Interpretazione delle armi corte

Di seguito provvederemo all'analisi caratteriale delle persone 
contraddistinte dai simboli delle armi corte dell’oracolo
arabo e alla relativa interpretazione.

Come abbiamo potuto avuto modo di vedere, le armi corti sono:

Chi nasce sotto un segno corto non parte da una positiva combinazione di elementi di base, non a torto si colloca in una posizione di debolezza che spesso corrisponde ad una fatale chiusura al mondo. Molti nati sotto il segno delle armi corte sono degli introversi. Il messaggio che l’oroscopia araba, considerata nel suo dinamismo evolutivo, lancia ai nati sotto il segno di un’arma corta corrisponde a un auspicio di miglioramento: il fine della predizione araba è l’apertura al mondo esterno e la conquista di un’arma migliore. La crescita parte dalla comprensione del sé e dall’accettazione dei propri caratteri.

nato sotto buon auspicioLa forza dell’oracolo arabo poggia tutta su questo principio motivazionale: la profezia altro non è che un esame del proprio io e segna, individuando i nodi dell’essere, le aspettative per un percorso di crescita che punti ad un miglioramento netto della propria esistenza. Le armi corte accomunano i nati sotto questo segno per poche e precise caratteristiche emotive, qui di seguito un breve elenco stilato tenendo conto della prevalente interpretazione dell’oroscopia araba per come è arrivata sino a noi.

I caratteri tipici dei nati sotto il segno delle armi corte

Coltello: Chi è nato sotto il segno del coltello è probabilmente una persona istintiva e impulsiva, difficilmente si tratterà di un individuo riflessivo e quasi mai chi è segnato da quest’arma sarà pacato o particolarmente ragionevole. Il coltello è un fendente piccolo che per struttura e natura non richiede una particolare destrezza d’uso, lo possono adoperare tutti e con l’imposizione di una certa forza chiunque può farne un arma assai offensiva senza bisogno di avere affinato le proprie competenze di gestione del mezzo stesso.

Pugnale: Chi è nato sotto il segno del pugnale facilmente è una persona istintiva non tendenzialmente impulsiva ma portata a difendere con tenacia (e se è il caso con aggressività) i suoi beni e i suoi traguardi. Secondo l’oracolo arabo, la difesa “senza pietà” della famiglia e degli affetti rientrerebbe tra i caratteri peculiari di questo segno. Il pugnale è come il coltello un’arma di semplice uso, quindi come per il primo si addice a chi non ha esperienza in tecniche di battaglia, a chi non ha una peculiare competenza o cultura. Rispetto al primo è però un’ arma nata precipuamente per sferrare un attacco: è, cioè, un’ arma offensiva.

Coltellaccio: Chi è nato sotto il segno del coltellaccio è nell’oroscopia araba il timido che si atteggia a spavaldo o ad aggressivo, colui che ferisce aggredendo per difesa. Questo atteggiamento, che è comunemente dei timidi che non vogliono apparire tali, può determinare non pochi problemi di isolamento sociale del soggetto o comunque di difficoltà di inserimento in contesti che pretendono comunione e condivisione di spazi ed esperienze. Il coltellaccio non è un fendente comune, è invece uno strumento tecnico (ovvero che pretende una tecnica d’uso, basti pensare che comunemente lo adoperano nella macellazione delle carni). Per usarlo ci vuole forza, è necessario non avere paura di farsi male e occorre aver maturato la giusta esperienza per non farne un uso non proprio.

Pugnale arabo: Chi detiene un pugnale come quello arabo è nato sotto una stella non comune perché a lui il fato ha assegnato una collocazione nello zodiaco che pretende una particolare intelligenza ed astuzia (non tutti sanno o possono imparare a maneggiare un così antico pugnale). L’uomo però sa bene che l’astuzia è un’arma a doppi taglio perché è facile che l’astuto divenga egocentrico, accentratore, solitario, aggressivo e che si impoverisca lentamente. Chi nasce sotto questo segno è fiero e sicuro di sé ma deve considerare che la crescita emotiva, sociale e astrale non può mai prescindere dal confronto e dall’interazione con l’altro. Il pugnale arabo è un arma sconosciuta all’uomo moderno, è un antico pugnale a lama sottile che si maneggia tenendolo legato al polso. Si tratta di un’ arma offensiva il cui uso proviene da una pratica studiata e mai casuale. Inoltre alcune antiche fonti disquisiscono sul valore magico e evocativo del pugnale arabo.